NON VI E' DUBBIO CHE UNA NAZIONE PASSATA DA UN REGIME MONARCHICO AD UN REGIME REPUBBLICANO SIA UNA NAZIONE «DECLASSATA», E CIÒ NON PUÒ NON ESSERE AVVERTITO DA CHIUNQUE ABBIA UNA SENSIBILITÀ PER VALORI I QUALI, PER ESSERE SOTTILI E IMMATERIALI, NON PER QUESTO SONO MENO REALI.

lunedì 5 novembre 2018

9 ragioni per dichiararsi monarchico nel 2018

di  Cristian Campos


Sette dei dieci paesi più avanzati e meno corrotti del mondo sono monarchie. Ma ci sono più motivi per dichiararsi monarchici in un momento in cui la Corona subisce il suo più grande attacco dalla promulgazione della Costituzione. 

1. Perché le Monarchie sono a buon mercato e la Monarchia Spagnola di più
La cifra ufficiale è di 7,9 milioni di euro (quelli stanziati dal bilancio generale dello Stato per la Royal House nel 2018). Ma questa cifra ha un trucco perché non include il personale o le spese di sicurezza assunte tra gli altri dai Ministeri della Presidenza, Interni, Affari Esteri e Difesa. In ogni caso, la stragrande maggioranza di queste spese, come quelle derivanti dal mantenimento del Palacio de la Zarzuela o del Palacio Real, dovrebbero anche essere assunte  come spese per il mantenimento del patrimonio nazionale da un'ipotetica repubblica . Lo comido por lo servido (Fare un lavoro senza averne nessun guadagno, nota dello staff)
Le monarchie tendono ad essere economiche in termini di costi-benefici e la spagnola ha la particolarità di essere il più economica tra quelle a basso costo. Il costo della corona spagnola è inferiore a quello delle monarchie come la norvegese (29,3 milioni di euro all'anno), la britannica (48,7) , l'olandese (anche 40,7) o addirittura la danese (10,9), la svedese (13,4) o labelga (11,8). Ancora più economico, rispetto a quella lussemburghese, che costa al contribuente 10,1 milioni di euro all'anno più un "salario" annuale di 273.000 euro per la famiglia granducale. 

2. Perché una repubblica sarebbe molto più costosa
Senza raggiungere gli estremi di una repubblica come gli Stati Uniti, che ha un budget di circa un miliardo di dollari all'anno e sarebbe più appropriato qualificarsi come "impero", nessuno nega che un'ipotetica repubblica spagnola  sarebbe molto più costosa dell'attuale Monarchia . 
Un capo di stato puramente ornamentale come l'italiano o il tedesco circa 20 milioni di euro all'anno. Il confronto corretto, tuttavia, sarebbe con una repubblica come quella francese (112 milioni di euro) o quella italiana (228 milioni di euro). Un noto studio dell'Università della Pennsylvania parla di un costo di circa 350 milioni di euro per una (ipotetica) repubblica spagnola. È una cifra in gran parte speculativa, ipotetica. Ma, in assenza di ulteriori dettagli sulla forma esatta in cui questa repubblica spagnola avrebbe preso forma, serve come ordine di grandezza.

3. Per la prevenzione
Chi ha voglia di leggere sui giornali spagnoli un titolo come "Il presidente della Repubblica spagnola Pablo Echenique provoca una crisi istituzionale senza precedenti, rifiutando di firmare la nomina di Alberto Rivera come primo ministro " o "il capo dello Stato Ada Colau qualifica di "reliquia franchista" il diritto alla presunzione di innocenza e sostiene la sua eliminazione dall'ordinamento giuridico spagnolo"? Una Monarchia professionale come quella spagnola è una garanzia contro le “tentazioni caudilliste” di un ipotetico capo dello Stato nelle mani di alcuni elementi di certi partiti politici spagnoli. 

4. Perché i re sono una risorsa di ultima istanza in una Monarchia parlamentare
In una Monarchia parlamentare come quella spagnola, il Re assume la funzione dell'ultima barriera dello stato di diritto quando il resto dei poteri della Nazione è stato sopraffatto dal nemico. E’ stato dimostrato 23-F e ancora una volta, il 3 ottobre 2017, quando la sciatteria del governo di Mariano Rajoy e la passività del PSOE contro il colpo di stato eseguito dai leader indipendentisti catalani portavano il paese a un conflitto civile senza precedenti in democrazia. Solo il discorso il bordo della sirena (di allarme) di  Felipe VI e la successiva mobilitazione dei non nazionalisti catalani per le strade di Barcellona, spronati su da quello stesso discorso, è riuscito porre un freno contro la guerra civilie dei nazionalisti catalani. Come avrebbe agito un Presidente della Repubblica al suo posto come Oltra, Lastra, Barkos o anche Otegi

5. Per il suo valore simbolico
Sarebbe auspicabile, per il dibattito politico in Spagna, un discorso repubblicano leggermente più sofisticato di quello che parla di un capo di stato ereditato per via vaginale. La specie umana è l'unica con capacità simbolica e quindi si attribuisce ai repubblicani spagnoli l'intelligenza necessaria per comprendere, come spiega il filosofo Miguel Ángel Quintana Paz in uno dei suoi articoli, che una bandiera non è solo uno straccio  come  allo stesso modo che la foto di una persona cara non è solo inchiostro su carta fotografica e quindi la nostra rabbia se qualcuno ha cercato di strapparla. In Spagna, in breve, è necessario spiegare ancora e ancora il più fondamentale: perché considerare il crimine il furto di un furgone blindato (pieno di banconote n.d.staff) se è solo carta colorata?Perché non semplicemente stamparne di più e riempire il furgone blindato con nuove carte colorate, evitando il fastidio di cacciare i ladri, condannandoli, imprigionandoli, riabilitandoli e reintegrandoli nella società? 
Il Re, in breve, non è solo un altro mammifero bipede ma anche l'immagine della permanenza e stabilità dello Stato al di là della partigianeria, degli interessi elettorali e delle mode ideologiche dei partiti politici. Il che equivale a dire il simbolo della permanenza e della stabilità dei diritti contenuti nella Costituzione spagnola e dei quali, verosimilmente, nessun repubblicano desidera fare a meno. Questa funzione potrebbe essere soddisfatta da un capo di stato eletto? No, proprio per la sua natura democratica, che lo renderebbe il rappresentante di solo una parte degli spagnoli . E, quindi, di alcuni dei diritti contenuti nella Costituzione sopra gli altri di quei diritti.
   
6. Perché presuppone un limite per i governi di tutti i segni, compresi quelli dei diritti
La repubblica immaginata dai repubblicani spagnoli sembra sempre di essere una repubblica intrinsecamente di sinistra e  più come la Seconda Repubblica spagnola che la Repubblica francese del 2018. Ma esso non sembra molto intelligente a considerare futuribile dove al potere siano sempre, come per  magia, quelli della tua parte politica . Perché non immaginare una repubblica in cui VOX ha ottenuto percentuali di voto simili a quelle di Bolsonaro in Brasile, Le Pen in Francia, in Ungheria Orbán o Putin in Russia?  In quel caso ci sarebbe sostenere per un presidente eletto dai cittadini stessi che hanno votato VOX o piuttosto come capo di stato ad una figura neutra, a prescindere dal dibattito politico e rispettato dal diritto? Quando Filippo VI ha fatto il suo discorso, il 3 ottobre non ha difeso il PP, i cittadini o la Monarchia stessa, ma la Costituzione, nello stesso modo in cui il padre  in TV il 23 Febbraio non parlò in difesa del partito dei comunisti o dei nazionalisti baschi, ma della democrazia . 

7. Perché la Corona ha poco da guadagnare e molto da perdere
Parlare delle monarchie parlamentari europee del XXI secolo negli stessi termini delle monarchie assolutiste del XV secolo è un anacronismo: non è nemmeno la stessa istituzione, anche se ne condividono il nome.
Nel 2018, cosa c'è oltre la corona di un re europeo? Quali terreni situati al di là della Costituzione può raggiungere un monarca svedese o belga o inglese, o spagnolo? Un politico può sempre cercare di ottenere più potere, guadagnare più soldi e godere di maggiori vantaggi. Ma un re in una Monarchia parlamentare ha un confine naturale e altri legali: Felipe VI  ha vinto tutto il giorno della sua incoronazione e non si muove da quel punto fino al giorno della sua abdicazione o di morte. Le sue opzioni, in breve, sono solo due: stabilità costituzionale o repubblica . 
Ovviamente, un re può essere corrotto come qualsiasi altro cittadino e accumulare una fortuna personale usando le sue prerogative come primo diplomatico dello Stato e facilitatore di contratti e di accordi di alto livello . Ma è difficile immaginare che un re corrotto in una democrazia parlamentare con libertà di stampa potrebbe andare ben oltre l'accumulo di qualche decina di milioni nel suo conto corrente. Le tentazioni di un capo di stato, tuttavia, possono essere molto più gravose di quelle di una Monarchia limitata da un concetto quasi medievale di dignità istituzionale. 

8. Perché la Monarchia ringiovanisce
Le cause perse lo fanno sempre. Soprattutto quando camminano nella direzione opposta al segno del loro tempo. Vale a dire quello indicato dal populismo e dai sacerdoti della superiorità morale di turno. Una causa persa senza nemici è una perdita di tempo masturbatoria. Ma una causa persa che si mette contro un'orda di milioni di settari, demagoghi  e candidati corrotti, califfi al posto del califfo ... ah, signori! Ciò sprona l'intelligenza, entusiasma l'immaginazione ed eccita lo spirito guerriero. La Monarchia è il nuovo punk e la principessa Leonor, l'Angela Davis del costituzionalismo

9. Perché la natura umana esiste
Razionalmente, la Monarchia non ha il minimo senso politico. È anacronistico, intrinsecamente antidemocratico, ridondante ed eticamente dubbio anche per quelli di noi che capiscono che l'etica è un sottoprodotto dell'estetica, proprio uno dei punti di forza di ogni Monarchia. Ma funziona.
Opera in Danimarca, Norvegia, Svezia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Belgio e Regno Unito. Che tutti questi paesi siano tra i più avanzati e prosperi del pianeta, e che il repubblicanesimo militante sia praticamente marginale in loro, dimostra che c'è qualcosa, un fattore umano di rispetto per la pompa e le circostanze, che sfugge alla razionalità ma che agisce come un cemento sociale . Le monarchie uniscono le nazioni più dei loro partiti politici, producono più ricchezza di quella che detraggono e hanno un effetto collaterale benefico che potremmo definire "esemplare": sette dei dieci paesi meno corrotti al mondo sono le monarchie (Danimarca , Nuova Zelanda, Svezia, Norvegia, Olanda, Lussemburgo e Canada).
O forse la spiegazione è ancora più semplice di così. Forse quello che succede è che gli esseri umani hanno bisogno di modelli. E in tempi di relativismo morale e culturale, la Monarchia è una delle poche istituzioni che ci lega alla nostra storia. A cosa ci legano i repubblicani spagnoli in questo senso? Alla guerra civile e allo sterminio del discordante, del contrario, del vicino, del libero pensatore. 
Forse è per questo che un repubblicano naturale come me sta scrivendo questo articolo .  





La traduzione è stata fatta da google translate e dalle nostre poche conoscenze della lingua di Cervantes.
Si accettano volentieri eventuali correzioni e/o migliorie.