NON VI E' DUBBIO CHE UNA NAZIONE PASSATA DA UN REGIME MONARCHICO AD UN REGIME REPUBBLICANO SIA UNA NAZIONE «DECLASSATA», E CIÒ NON PUÒ NON ESSERE AVVERTITO DA CHIUNQUE ABBIA UNA SENSIBILITÀ PER VALORI I QUALI, PER ESSERE SOTTILI E IMMATERIALI, NON PER QUESTO SONO MENO REALI.

martedì 15 maggio 2018

Monarchici a Musumeci e Miccichè: “Tenete in vita la volontà del Re”


Oggi ricorre il 72 anniversario della promulgazione dello Statuto della Regione Siciliana. 
Re Umberto II, comprendendo bene la specialità e le specialità della Regione Siciliana volle, a seguito di un lavoro iniziato un anno prima, dare alla nostra regione la sua Carta. 
Una guida che se negli anni fosse stata onorata e seguita avrebbe certamente dato alla Sicilia una caratterizzazione diversa da quella di oggi. 
I monarchici siciliani affidano ai presidenti di Giunta regionale e del Parlamento il compito di valorizzare ogni articolo dello Statuto ammonendo che il rispetto della nostra Legge è la miglior difesa del futuro delle prossime generazioni. 
Buon lavoro dunque all’On. Micciché e all’On. Musumeci a cui è affidata la missione più ardua: tenere in vita la volontà del Re.
Michele Pivetti Gagliardi

Presidente Unione Monarchica Italiana per la Regione Siciliana


Fonte:
http://siciliainformazioni.com/redazione/819319/monarchici-a-musumeci-e-micciche-tenete-in-vita-la-volonta-del-re