NON VI E' DUBBIO CHE UNA NAZIONE PASSATA DA UN REGIME MONARCHICO AD UN REGIME REPUBBLICANO SIA UNA NAZIONE «DECLASSATA», E CIÒ NON PUÒ NON ESSERE AVVERTITO DA CHIUNQUE ABBIA UNA SENSIBILITÀ PER VALORI I QUALI, PER ESSERE SOTTILI E IMMATERIALI, NON PER QUESTO SONO MENO REALI.

giovedì 6 dicembre 2018

Discorso del Re di Spagna nel 40° anniversario della Costituzione spagnola


Permettetemi di iniziare esprimendo a voi il grande onore che spetta a me rivolgermi alle vostre signorie ed a tutti voi in questo atto commemorativo del 40° anniversario della nostra Costituzione. Una Costituzione la cui celebrazione merita il più grande riconoscimento di tutte le istituzioni dello Stato; Grazie a lei e alla sua protezione, la Spagna vive oggi in democrazia e libertà.
Molte grazie, signora Presidente, per il suo gentile invito e per le sue parole; e a tutti, per la loro presenza in questa giornata emozionante e così piena di significato in cui evochiamo un periodo unico della nostra storia. Lo facciamo anche alla presenza di alcuni dei suoi principali e più importanti protagonisti che saluto con affetto e riconoscimento.
Signore e signori,
In queste prime parole, e in occasione di questo anniversario, voglio esprimere, ancora una volta, il mio rispetto e impegno per la nostra Costituzione. Un impegno che ho assunto formalmente al raggiungimento della maggiore età e rinnovato il 19 giugno 2014 davanti alle Cortes Generales. Ricordo bene le parole che il presidente del Congresso, Don Gregorio Peces-Barba, mi rivolse che il 30 gennaio 1986.
Così disse: "Il giuramento che state per prestare sta a simboleggiare la vostra sottomissione alla legge, l'accettazione del sistema parlamentare rappresentativo che la nostra Costituzione stabilisce, il vostro impegno a servizio delle istituzioni dei cittadini e la vostra fedeltà al Re."
Un impegno istituzionale, ma anche, indubbiamente, personale e morale. Un impegno che non è solo un requisito della mia responsabilità, ora come capo di stato, ma è anche l'espressione della mia stima e dovere di lealtà verso il popolo spagnolo, che con la ratifica della nostra Costituzione, la libertà e l'esercizio della sua sovranità, ha concesso legalità e piena legittimità democratica a tutte i poteri e le istituzioni dello Stato.
Signore e signori, 
Questo anniversario è una grande opportunità per ricordare e riconoscere la dimensione storica della decisione presa dagli spagnoli il 6 dicembre 1978; ed è anche, senza dubbio, per valorizzare ai nostri giorni la portata e la prospettiva che merita.
Pertanto, celebriamo questa giornata con solennità e, anche, come un profondo tributo di gratitudine. Ci sono così tante persone - presenti e assenti - a cui lo dobbiamo, che sarebbe impossibile menzionarle tutte. Per questo motivo, voglio simboleggiare quella gratitudine in coloro che, con ogni merito, abbiamo chiamato i Padri della Costituzione. E voglio farlo attraverso l'autorità della loro testimonianza, perché ci offrono l'interpretazione più fedele dell'opera che commemoriamo oggi.
Consentitemi, quindi, di iniziare con le parole di don Gabriel Cisneros, che ha descritto i suoi colleghi nella relazione costituzionale:
"La veemente erudizione di Fraga; il conservatorismo illustrato e pungente di Miguel Herrero; il temperato distacco di Cadice e liberale Pérez-Llorca; il Maritainismo - a volte un po’ schietto, a volte un po’ adirato - di Fish-Beard; la catalanità sottile, negoziale e implacabile di Roca; l'incredibile tenacia marxista di Solé Tura; il mio populismo", ha detto Cisneros di se stesso, anti-oligarchico, riformista, puritano e tradizionale allo stesso tempo. Tutto ciò ha fatto la Costituzione spagnola del 1978. Tutto ciò, ha concluso, oltre alla passione spagnola dei sette.
Con tutti loro - e con così tanti uomini e donne che insieme a loro, che hanno dibattuto e conocrdato, da ideologie così diverse e tradizioni così diverse - la Spagna ha contratto il suo più alto debito. I loro nomi fanno parte della nostra migliore storia, perché con la loro visione politica e generosità hanno reso possibile la libertà e il progresso di milioni e milioni di spagnoli.
Signore e signori,
La Costituzione è il grande patto nazionale di convivenza tra spagnoli per la concordia e la riconciliazione, per la democrazia e per la libertà. Nelle parole di Don Miguel Herrero: "Una costituzione consensuale (...) un patto, ma inteso non come una mera transazione, ma come unione di volontà".
Non è un'altra Costituzione della nostra storia, da quel lampo illustrato e fugace che Cadiz immaginava nel 1812: è veramente il primo risultato di accordo e comprensione e non di imposizione; è il primo che materializza la volontà di integrarsi senza escludere; è il primo che non divide gli spagnoli, ma li unisce, che li chiama insieme per un progetto comune e condiviso; per il progetto di una Spagna diversa, di una nuova Spagna: di una nuova idea di Spagna.
"La Costituzione era un patto di coraggio e non di debolezza: perché il patto è il privilegio del coraggio"; non sono mie parole. Sono di Don Miquel Roca, che, riferendosi al popolo perseguitato dalla dittatura, ha detto: "Non possono essere accusati, dalla dignità e dall'obiettività, come probabilmente sono stati condizionati da alcuni poteri concreti che avevano sconfitto con il loro ritorno alla libertà. "
E ha aggiunto: "Nessuno potrebbe sentirsi condizionato quando un sistema democratico è stato costruito nel mezzo di un conflitto terroristico che ha causato morti e vittime costanti. E nessuno dovrebbe ignorare che i patti di Moncloa, (...) sono stati firmati e approvati da tutto lo spettro sociale e politico. E che il nostalgico si sentì così sconfitto da tentare un colpo di stato il 23 febbraio 1981, che fallì e consolidò la democrazia in Spagna ".
Né il popolo spagnolo ha dubbi o debolezze: aveva preoccupazione e preoccupazione, sì, ma anche una grande speranza; viveva con una grande illusione, aveva persino fiducia che stavolta avrebbe avuto la meglio; e così egli lo dimostrò chiaramente ed enfaticamente con la sua decisione libera, civile e matura nel referendum del 6 dicembre 1978.
Signore e signori,
Riferendosi alla transizione politica, Don Manuel Fraga ha dichiarato: "Sono anni di decisione. Dobbiamo occupare il nostro posto esatto nel mondo attuale. Se lasciamo, per indecisione o per incapacità, il treno della storia, i nostri problemi economici, sociali e politici non saranno risolti ".
E la Spagna non ha mancato, in questa occasione, il treno della Storia; questo è stato riconosciuto dalla comunità internazionale. La nostra Costituzione è il culmine di un processo che è il più grande successo politico della Spagna contemporanea. Un processo di cui tutti possiamo sentirci autenticamente orgogliosi, perché nello spirito, i valori e gli ideali che hanno ispirato questo periodo della nostra storia è la migliore Spagna.
 E quello spirito, quei valori e quegli ideali, non possiamo dimenticare né distorcere, ma rivendicarli oggi legittimamente, perché sono la base del consenso politico e sociale che soddisfa le differenze storiche tra gli spagnoli e supera una Spagna secolarmente conflittuale e divisa.
Come ha sottolineato Don Miguel Herrero: "I relatori che hanno scritto la bozza finale hanno avuto la fortuna di essere e sentire organi, più o meno consapevoli ma certi, dello spirito della nostra gente. Non abbiamo dovuto cercarlo; lo respiriamo nella pubblica piazza. "
E a quello spirito, a quello spirito del popolo, che è quello della Costituzione, è quello a cui mi riferirò ora:
Primo, alla riconciliazione. Non possiamo né dobbiamo dimenticare quegli spagnoli provenienti da luoghi diversi, idee e sentimenti, dall’interno o dall’esilio, motivati ​​dagli stessi ideali, spinti dalla forza e dall'entusiasmo della gente, con complicità e immensa generosità si riconobbero e accettarono in una riunione piena di emozioni, perdono e rassegnazione.
Ma quell'abbraccio era anche pieno di speranza e futuro. Perché quegli spagnoli volevano lasciare in eredità alle generazioni future, soprattutto, la Spagna riconciliata con se stessa in cui mai devono tornare a vivere la sofferenza, la paura o l'amarezza di quanto subito. Quindi quel disprezzo non avrebbe diviso di nuovo gli spagnoli, né l'odio avrebbe superato la ragione.
Quegli spagnoli ci hanno dato il miglior esempio di umanità e fraternità; ci hanno dato una lezione di dignità; questo è il motivo per cui, ancora una volta, desidero ribadire la nostra più grande gratitudine, tutta la nostra ammirazione e il nostro più profondo rispetto.
In secondo luogo, la comprensione. Una volontà di tutti gli spagnoli di volersi capire l'un l'altro; rispettare le idee degli altri, comprendere e accettare le differenze, ponendo fine alla persecuzione politica e all'intolleranza; la volontà di risolvere conflitti e disaccordi attraverso il dialogo, nel rispetto delle leggi e dei diritti degli altri, senza imposizioni o esclusioni.
Don Jordi Solé Tura lo ha spiegato in questo modo: "Tra i sette oratori c'erano molte differenze politiche (...) Abbiamo rappresentato diverse opzioni, e in passato abbiamo avuto scontri radicali. E soprattutto con le nostre differenze abbiamo imparato a trovare un punto fondamentale che era di redigere una costituzione (...) che non dividesse i cittadini spagnoli in due blocchi equivalenti e opposti radicalmente, ma ha dovuto stabilire regole di un gioco giocabile da tutti noi che eravamo sostenitori della democrazia. Era necessario stabilire, ovviamente, una linea divisoria - stava dicendo Solé Tura - quella che separava i partigiani della democrazia - indipendentemente dalle loro opzioni e interessi sociali - dai suoi nemici ".
Infine, lo spirito di integrazione della società spagnola. Una vocazione integratrice che non suppone uniformità, né mezzi per dimenticare o sopprimere la diversità territoriale, né per negare la pluralità, ma per assumere e riconoscere tutti in una realtà nazionale comune in cui si adattano modi diversi di pensare, di comprendere e di sentire. Una Spagna, insomma, che appartiene a tutti, costruita da tutti, e sentita e condivisa da tutti.
In questo senso, Don Miguel Herrero ha dichiarato: "La nostra Costituzione ha riconosciuto il diverso e il plurale, proprio per integrarlo".
La Costituzione è la grande alleanza nazionale di convivenza tra spagnoli per la concordia e la riconciliazione, per la democrazia e per la libertà ... è la prima che materializza la volontà di integrarsi senza escludere; è la prima che non divide gli spagnoli, ma li unisce, che li chiama insieme per un progetto comune e condiviso; per il progetto di una Spagna diversa, di una nuova Spagna: di una nuova idea di Spagna.
E nel frattempo, Don José Pedro Pérez-Llorca disse così: "La consapevolezza che i precedenti tentativi storici erano falliti e che il fallimento aveva portato calamità senza fine al paese era (...) qualcosa che pesava molto nel saldo finale della Costituzione soprattutto, nell'atteggiamento e nello spirito con cui è stata negoziata parola per parola. Atteggiamento o stato d'animo, ha detto, che era privo nella volontà di prevalere, anche se tutti conoscevano le proprie ragioni e argomenti, ed era presente, invece, la necessità di raggiungere accordi, convertendo le ragioni di ciascuno nella ragioni di tutti.
E aggiunse: "Si trattò di essere inculsivi, e di fuggire anatemi e condanne (...) Così la Costituzione, se non di tutti, perché questo non è possibile, è nata con la vocazione ad essere condivisa da tutti".
Signore e signori,
Con questo spirito di riconciliazione, di comprensione e di integrazione, la Costituzione ha raccolto nel suo testo le basi fondamentali diuna Spagna che si è costituita come uno Stato Sociale e Democratico di Diritto.
In tal modo, la Costituzione affermava:
- La sovranità nazionale, che è stato recuperata da e per il popolo spagnolo, tornando agli spagnoli come cittadini e sopprimendo la loro condizione di sudditi.
- L'unità della Spagna, riconoscendo l'autonomia delle sue nazionalità e regioni ed il loro autogoverno.
- La monarchia parlamentare, in cui il Re è un simbolo dell'unità e della permanenza dello stato. Una monarchia parlamentare all'interno di una democrazia che ha motivato mio padre Re Juan Carlos I, in modo decisivo e determinante, durante quel periodo importante della nostra storia; e sempre con lui, il supporto permanente e impegnato di mia madre, la Regina Sofia.
- La separazione dei poteri esecutivo, legislativo e giudiziario, indipendente nell'esercizio delle loro funzioni, e la Corte costituzionale come l'interprete supremo della nostra Costituzione.
- Infine, e come fondamento dell'ordine politico e della pace sociale, il riconoscimento dei diritti e delle libertà basati sulla dignità della persona, nel rispetto della legge e dei diritti degli altri.
Da queste basi è nata una nuova Spagna, un nuovo stato, diverso dai precedenti e che ha rotto con il passato. La Spagna si è costituita in una democrazia simile alle altre nazioni occidentali e condivideva con le Repubbliche parlamentari e le Monarchie dei paesi vicini i valori costituzionali che proclamava: libertà, giustizia, uguaglianza e pluralismo.
Ha detto, in questo senso, Don Gregorio Peces-Barba: "Penso che si possa dire che la democrazia parlamentare è l'unico canale per l'accordo di base tra tutti gli spagnoli per l’esclusione della violenza. È il modello di progresso, razionalità e integrazione dei conflitti. Non c'è alternativa al Parlamento per evitare la tragica dialettica dell'odio e dell'amico-nemico. È il modello della libertà e dei diritti fondamentali, è il modello della tolleranza ".
La Spagna iniziava così, su quelle basi, un modo per intraprendere le profonde trasformazioni richieste dalla nostra vita in comune.
Ora che sono trascorsi 40 anni, possiamo dire che, in effetti, sotto la vigente Costituzione, la Spagna ha senza dubbio vissuto il più profondo e radicale cambiamento politico, territoriale, internazionale, economico e sociale della sua storia.
Nella sfera politica, oggi - soprattutto e felicemente - possiamo affermare che la democrazia è fermamente e pienamente consolidata. Le giovani generazioni sono nate, educate e sviluppate in una società democratica e i valori costituzionali permeano la vita quotidiana e personale dei nostri cittadini e anche la nostra vita collettiva.
Risolvere equivoci attraverso il dialogo, il rispetto delle leggi e dei diritti degli altri, l'esercizio di tali diritti e l'adire in tribunale per difenderli e rispettare le loro decisioni, sono principi saldamente radicati nel comportamento dei cittadini. Il sentimento costituzionale, consapevole o talvolta inconsapevole, è profondamente radicato nei nostri atteggiamenti perché la Costituzione è l'anima vivente della nostra democrazia. Una democrazia che non fa passi indietro nei sentimenti e nelle coscienze degli spagnoli.
Profonda è stata anche la trasformazione sperimentata nella nostra struttura territoriale. Mai prima d'ora nella nostra storia era stata progettata e costruita un'architettura territoriale con una così profonda decentralizzazione del potere politico, e il riconoscimento e la protezione delle nostre lingue, tradizioni, culture e istituzioni.
Nell'arena internazionale, la Spagna ha realizzato il suo grande sogno di tornare all'Europa democratica; ha svelato tutto il potenziale politico, economico e culturale che ci unisce alle nostre nazioni sorelle dell'Ibero-America. In breve, ha recuperato la sua presenza e il suo ruolo nelle istituzioni internazionali e negli impegni multilaterali per la pace, la sicurezza e lo sviluppo; facilitando anche l'apertura e la presenza economica e commerciale nel mercato mondiale, con la grande ondata della globalizzazione alle porte.
Infine, mi preme sottolineare, anche, l'enorme livello di progresso in tutti gli ordini che la Spagna ha raggiunti in questi 40 anni di democrazia, governati dalla nostra Costituzione. I progressi nel campo dei diritti civili e la protezione e l'uguaglianza delle donne sono indiscutibili successi in una società avanzata e matura come la nostra. E nessun ambito sociale, economico o culturale è stato escluso da un profondo rinnovamento e miglioramento delle sue strutture, della sua organizzazione e del suo sviluppo.
Ogni anno, soprattutto grazie al sacrificio e al duro delle generazioni successive di lavoro spagnoli, si è costruito uno stato sociale che dobbiamo preservare e migliorare e che è essenziale nella nostra società. L'istruzione pubblica ha raggiunto tutti i cittadini e la sanità pubblica, gratuita e universale, è altamente riconosciuta e valorizzata all'interno e al di fuori del nostro paese.
I progressi nel settore del turismo, i trasporti, le infrastrutture, l'energia, le telecomunicazioni, l'ambiente ..., anche nel campo della sicurezza, per citarne alcuni, sono evidenti e davvero straordinaria; e la Spagna, in quel grande balzo in avanti, ha anche raggiunto posizioni di leadership - impensabili 40 anni fa in molte di queste aree della nostra realtà.
La Spagna, in breve, anche con i bisogni e le difficoltà che conosciamo bene e nonostante l'impatto delle crisi economiche - specialmente la più recente - ha raggiunto livelli di prosperità e benessere come mai prima nella nostra storia. In breve, la Spagna è stata modernizzata.
Il passare del tempo ha permesso, quindi, di verificare il successo storico delle nostre Cortes Costituenti. La strada percorsa dalla nostra Costituzione è stata un grande successo collettivo, ma non è stato facile. Molti spagnoli hanno perso la vita, o quella di un parente, vittime del fanatismo e del terrorismo irragionevole; saranno sempre, con la massima dignità, nella nostra memoria. La Spagna ha dovuto affrontare negli ultimi 40 anni eventi molto gravi e molto gravi che hanno condizionato la nostra libertà e anche la nostra convivenza. Eppure, nonostante tutto, la Costituzione e il nostro stato di diritto sociale e democratico hanno prevalso.
Signore e signori, 
Una nuova generazione di spagnoli ha iniziato ad occupare responsabilità nella società e nelle istituzioni. E abbiamo, senza dubbio, l'enorme compito di andare avanti, di non conformarci, di fare tutto il possibile per onorare e migliorare l'enorme eredità che abbiamo ricevuto dalle generazioni che ci hanno preceduto.
La celebrazione del 40 ° anniversario della nostra Costituzione serve a dimostrare che la Spagna oggi è molto diversa da quella del 6 dicembre 1978. Così come le circostanze del mondo in cui viviamo sono molto diverse e persino più esigenti di quelle dell'ultimo terzo del secolo scorso.
E, naturalmente, questo anniversario non può farci dimenticare che tutti questi anni ci sono stati errori, errori e insufficienze nel nostro paese. Né dovremmo tacere che, naturalmente, abbiamo problemi politici, economici e sociali molto rilevanti; che abbiamo anche la grande sfida, che ci chiama quotidianamente, a preparare la Spagna di fronte alle nuove esigenze dei progressi scientifici e della rivoluzione tecnologica che già definiscono così chiaramente, ai nostri giorni, il XXI secolo; e soprattutto per garantire che il benessere e la prosperità che la Costituzione ha contribuito a risolvere, raggiungano effettivamente tutti i nostri cittadini, in modo che possano contemplare il loro futuro con lo spirito e la pace della mente a cui hanno diritto.
Pertanto, abbiamo il dovere di pensare al futuro; continuare a costruire, dalle nostre rispettive responsabilità, una Spagna all'avanguardia, moderna e rinnovata; una Spagna aperta ai cambiamenti che la nostra società e, soprattutto, le giovani generazioni meritano.
E sappiamo che per andare avanti, per progredire con sicurezza e fiducia, dobbiamo sommare questo immenso patrimonio di libertà, didiritti e di benessere che abbiamo ottenuto alla volontà di adattare e plasmare il nostro modo di fare e vivere la realtà di ogni momento; con uno spirito critico ma sempre costruttivo. Solo così, possiamo aprirci al futuro con garanzie e solidità, con illusione e speranza.
Celebrazioni come quella di oggi ci permettono non solo ricordare e riconoscere gli ideali e i valori che uniscono gli spagnoli in un periodo indimenticabile della nostra storia, ma anche rivendicare il loro pieno vigore oggi come pilastri essenziali e ispiratori della nostra convivenza: lo spirito di riconciliazione, perché la Costituzione è un mandato permanente di concordia tra gli spagnoli; la volontà di capire, attraverso la parola, la ragione e il diritto; la vocazione all'integrazione, rispettando le nostre differenze e la nostra diversità; e lo spirito, solidale e generoso, che edifica e unisce la fibra morale della nostra società.
Signore e signori,
A questo compito di costruire la Spagna, a cui tutti siamo chiamati, dedico la mia vita e tutti i miei sforzi; da quel lontano 30 gennaio 1986, che conservo con grande emozione nella mia memoria; e in un modo più speciale dalla mia proclamazione come Re il 19 giugno 2014, all'inizio di un nuovo e rinnovato epoca per la Corona di Spagna. Una vita al servizio di tutti gli spagnoli, dell'indipendenza e della neutralità, e impegnata nella Costituzione che ci ha portato democrazia e libertà.
Perché la Corona è già indissolubilmente unita - nella vita della Spagna - alla democrazia e alla libertà.
Muchas gracias, moltes gràcies, eskerrik asko, moitas grazas.

Come sempre La traduzione è avvenuta grazie a Google e ad un paio di Cammini di Santiago fatti tempo fa.
Come sempre si accettano suggerimenti, migliorie, correzioni, integrazioni e quanto altro.