NON VI E' DUBBIO CHE UNA NAZIONE PASSATA DA UN REGIME MONARCHICO AD UN REGIME REPUBBLICANO SIA UNA NAZIONE «DECLASSATA», E CIÒ NON PUÒ NON ESSERE AVVERTITO DA CHIUNQUE ABBIA UNA SENSIBILITÀ PER VALORI I QUALI, PER ESSERE SOTTILI E IMMATERIALI, NON PER QUESTO SONO MENO REALI.

mercoledì 11 marzo 2015

Re Umberto II di Savoia, l'ultimo Re d'Italia, 32° della morte. San Cetteo lo ricorda

Il 18 MARZO 1983, alle 15:45, presso l'Ospedale Cantonale di Ginevra, "esalava l'ultimo respiro Sua Maestà il Re Umberto II di Savoia, l'ultimo Re d'Italia". A ricordarlo è Camillo Savini.

“Morì pronunciando Italia” aggiunge il Presidente provinciale Rag. Ten. “Quella stessa Italia che gli fu preclusa nel lontano 1946 e per tutta la vita, a seguito del referendum istituzionale da lui stesso fortemente voluto”.
Savini, rinvangando la storia afferma “il risultato fu talmente dubbio (a causa di indiscutibili brogli elettorali), che la Corte di Cassazione, preposta a proclamare ufficialmente il vincitore del referendum, il 10 giugno dichiarò ufficiosamente la notizia della vittoria della repubblica, riservandosi però la dichiarazione ufficiale il 18 giugno, dopo il riscontro dei voti definitivi, cosa però che non avvenne mai”.
Nell'analisi monarchica di Savini si legge “nella notte tra il 12 e il 13 giugno il Governo, con quello che lo stesso Re Umberto definì 'un gesto rivoluzionario', stabilì illegalmente, senza attendere la pronuncia della Cassazione, che i poteri del Re erano ormai passati al Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi, quale capo provvisorio dello Stato.”
Il 13 giugno 1946 Umberto II, si recò in Portogallo, come Carlo Alberto. Il 1° gennaio 1948 seguì l'articolo della Costituzione, “agli ex Re di Casa Savoia, alle loro consorti e ai loro discendenti maschi sono vietati l'ingresso e il soggiorno nel territorio nazionale”. Per lui durò 37 anni.
Nel 32.mo anniversario della morte sarà celebrata, dall'Abate Monsignor Giuseppe Natoli, una Santa Messa in memoria presso la Cattedrale di San Cetteo in Pescara il giorno 21 marzo alle ore 18:00.

Nessun commento:

Posta un commento